Trekking alle cinque terre.

Le 5 Terre, un esempio da seguire in fatto di turismo, un percorso di trekking che congiunge 5 splendidi paesi che, altrimenti sarebbero raggiungibili tra loro solo tramite una stretta strada  tortuosa che si congestionerebbe facilmente a causa del traffico.
Naturalmente un’amante del trekking e della natura come me, non si può lasciar sfuggire un’occasione così particolare.
 La mia  prima volta alle 5 terre ho voluto strafare: da Riomaggiore a Monterosso in una giornata, con relativi cali di zuccheri e dolori muscolari per i successivi 2 giorni di vacanza!!

cinque terre

 Così torno alle 5 terre, questa volta decido di prendere la cosa alla leggera: prenoto un grazioso b&b a Riomaggiore con vista nel porticciolo . Nei 5 paesini è difficile trovare hotel in mezza pensione o all inclusive, solo b&b e ristorantini, così tutti ci possono guadagnare. Ancora un valido insegnamento dall’imprenditoria del turismo ligure!!
Mi dirigo ad acquistare il biglietto per fare trekking nei sentieri: decidiamo di dividere il percorso in tre tappe, cosicchè ci possiamo gustare meglio il panorama e ci possiamo dedicare un po’ di più alla visita dei 5 paesi. La sera, a fine percorso torneremo a Riomaggiore con il treno che ferma a tutte e cinque le stazioni.
La prima tappa del percorso è veloce e scorrevole, si tratta della famosissima Via dell’amore che va da Riomaggiore a Manarola. Più che un sentiero da trekking è una vera e propria passeggiata, con un bel vialetto piastrellato e con un via vai di gente assurdo. In un quarto d’ora la percorriamo pregando il Signore che tutta questa folla si fermi a Manarola!

cinque terre

Passato il paese di Manarola, il sentiero, ben segnalato, si inerpica tra le alture, scoprendo bellissimi panorami e, abbastanza agevolmente si avvista Corniglia, l’unico centro abitato delle 5 terre a non essere direttamente affacciato sul mare. a Corniglia ci fermiamo e torniamo a Riomaggiore.
Il giorno dopo riprendiamo il treno fino a Corniglia e da qui, percorriamo il bellissimo percorso che attraverso il sentiero a picco sul mare ci porta a Vernazza, il borgo più carino e più pittoresco delle cinque tesse secondo il mio modesto parere.

5 terre

A Vernazza finisce la seconda tappa ed il giorno seguente inizia la terza, la più dura ma anche la più bella; arriveremo a Monterosso dopo circa due ore di panorami mozzafiato.

Il percorso si può compiere anche in senso contrario ; in questo caso è preferibile cercare un hotel a Monterosso.

Fabila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *