I pinguini a Punta Tombo

Patagonia_punta_tombo

Oggi lasceremo il nostro ostello di Puerto Madryn per tornare verso sud a Punta Tombo per visitare la pinguineira ed osservare da vicino la colonia di pinguini di Magellano più grande del mondo. Punta Tombo si trova a poco più di 100 chilometri da Trelew, da dove stasera ripartiremo con un aereo verso Buenos Aires,  in tutto la strada da percorrere oggi è di circa 300 chilometri.
Per fortuna la maggior parte della strada è asfaltata solo gli ultimi 40 chilometri sono su sterrato, ma questa volta percorrerli è una gran fatica, infatti purtroppo  é piovuto e la pista é molto fangosa.

Patagonia_punta_tombo
Arriviamo a Punta Tombo verso le 11, fa un gran freddo e tira un vento gelido. Dpo aver pagato il biglietto d’ingresso, visitiamo il piccolo interessantissimo museo vicino al punto informazioni e poi ci dirigiamo verso il mare per vedere la grandissima colonia di pinguini. È difficile raccontare questo strano posto: buche ovunque e pinguini che ti attraversano lungo il cammino. Le femmine in questo periodo covano nel nido ed i maschi presidiano il territorio .

Patagonia_punta_tombo

 

Non si può non provare una tenerezza infima per questi dolcissimi animali. Il paesaggio tra l’altro è molto bello: rocce rosse su un mare turchese e limpido, benchè oggi sia molto mosso. Accanto ai pinguini alcuni guanacos pascolano a pochi metri dalla spiaggia insieme ad intere famiglie di nandù. Anche in questo luogo la natura regna sovrana e gli animali si possono osservare nel loro ambiente naturale.

punta_tombo_patagonia
Alle 15 torniamo verso Trelew e fatichiamo molto a trovare un ristorante per mangiare qualche cosa: il paese non è grandissimo e ci sono pochissimi turisti in giro.

È venuto il momento di tornare in aereoporto e prendere il nostro ultimo volo interno: oggi lasceremo definitivamente la Patagonia per tornare a Buenos Aires. A mezzanotte entriamo nella camera del nostro 4 a Buenos Aires stelle, rigorosamente low cost, a due passi da piazza S. Martin.

Fabila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *