On the road in Islanda:l’emozione di percorrere una pista sterrata (F35)

islanda on the road

Subito dopo la cascata di Gulfoss, tra orde di turisti in pullman che popolano il così detto circuito d’oro, si imbocca la solitaria pista F35. La strada, ormai percorribile quasi per intero anche da auto non 4X4 in estate, taglia l’Islanda da sud a nord e collega Reykjavik ad Akureyri in poco meno di 10 ore, attraversando l’altopiano di Kjolur e ricollegandosi alla n.1 più o meno nelle vicinanze di Blonduos.
La F35 è forse una delle poche piste interne a non avere alti guadi ed è quindi una valida e consigliatissima alternativa al ring, se si effettua un viaggio on the road in Islanda sia in moto che con una piccola 4×4 a noleggio come la nostra.

islanda on the road

islanda on the road

La strada di montagna regala dei bellissimi panorami: noi l’abbiamo percorsa da sud a nord in una giornata un po’ uggiosa, ma con una luce particolare che ci ha regalato foto da copertina. In 2 ore abbiamo percorso solo 60 chilometri, poi, per mancanza di tempo siamo dovuti tornare indietro. La strada asfaltata finisce quasi subito dopo Gulfoss lasciando il posto ad uno sterrato molto battuto.
Il pallido Lago Hivtarvan, con le lingue del ghiacciaio Langjokull che formano una piccola laguna glaciale valgono da soli il viaggio; il paesaggio intorno è completamente deserto, incontriamo solo un coraggioso motociclista francese desideroso di fare conversazione e due cicloturisti: ci fermiamo scattiamo qualche foto insieme e poi ripartiamo verso nord.

islanda on the road

islanda on the road
Da lontano il Monte Hrutafell con la sua forma schiacciata è ancora ricoperto di neve. La strada corre sull’altopiano in un paesaggio lunare, fino ad arrivare all’area Geotermale di Hveravellir con pozze fumanti. Qui è possibile anche campeggiare:siamo più o meno a metà strada tra Gulfoss e Blonduos nella pista F35. Purtroppo dobbiamo fare dietro front per tornare a Reykjavik, ma queste due ore ci hanno regalato delle emozioni veramente uniche!

Fabila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *